Calzone con ricotta salata e caponata di verdure

Calzone con ricotta salata e caponata di verdure
  • porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    30 min

  • Tempo di cottura

    40 min

  • Calorie a porzione

    660 Kcal

  • Note

    1 ora di spurgo


5 stelle in base a 1 recensione

Quanto è buono il Calzone con ricotta salata e caponata di verdure, soprattutto quando è ben caldo! Una specialità tutta italiana a base di pasta per la pizza e altri appetitosi ingredienti tutti da gustare. Quando si ha poco tempo e si... 

ingredientiINGREDIENTI
  • Impasto per calzone
  • Impasto per calzone gluten free
  • Impasto per calzone senza lievito
  • 1 confezione da 385 g di Pasta pronta per pizza (rettangolare)
  • Per la farcitura
  • 100 g di Ricotta salata
  • 1 Melanzana
  • 1 Peperone giallo
  • 1 Peperone rosso
  • 2 Pomodori
  • 1 gambo di Sedano
  • 1 Cipolla
  • 8 Olive nere denocciolate
  • 40 g di Capperi sotto sale
  • 20 g di Zucchero semolato
  • 4 cucchiai di Aceto di vino bianco
  • 1 rametto di Timo fresco
  • Origano secco
  • Peperoncino in polvere
  • 4 cucchiai di Olio extravergine di oliva (per soffriggere)
  • 2 cucchiai di Olio extravergine di oliva (per appassire)
  • Sale
Preparazione

• Sciacquate i capperi e metteteli a bagno in una ciotolina piena di acqua.

• Tagliate a fettine alte circa 1 cm le melanzane e mettetele per un’ora sotto sale e sotto peso, in modo che perdano il sapore amaro. Trascorso questo tempo sciacquatele, tagliatele a cubetti e mettetele in una ciotola.

• Mondate i peperoni e tagliateli a julienne; tagliate a cubetti il sedano.

• Scaldate un fondo di olio in una padella, aggiungete le melanzane e soffriggetele a fiamma media per 6-7 minuti, girandole spesso perché si cuociano e si dorino in modo uniforme, ma non si scuriscano troppo.

• Con un mestolo togliete le melanzane, trasferitele su un piatto e tenetele da parte. Versate nella stessa padella i peperoni e il sedano preparati, salateli leggermente e lasciateli cuocere per 8-10 minuti a fiamma bassa, unendo quando necessario dell’acqua bollente.

• Sbucciate la cipolla e tagliatela a fettine sottili; mondate i pomodori e tagliateli a dadini. In una seconda padella capiente, tipo wok fate appassire con un filo di olio la cipolla, per 7-8 minuti a fiamma bassa, unendo ogni tanto un po’ di acqua bollente. Unite i pomodori preparati e lasciateli cuocere per un paio di minuti.

• Aggiungete tutte le verdure che avete cotto in precedenza, unite i capperi scolati, sciacquati e strizzati, delle foglioline di timo, un pizzico di peperoncino, le olive, lo zucchero e l’aceto; regolate di sale e mantenete su fuoco vivace finché l’aceto sarà evaporato. Spegnete e fate intiepidire.

• Stendete i dischi di pasta, tanti quanti sono i commensali; aiutandovi con un cucchiaio distribuite la caponata di verdure sulla metà di ciascun disco, lasciando libero il bordo. Distribuitevi la ricotta sbriciolata e spolverizzate con un pizzico di origano.

• Richiudete ogni disco a metà, schiacciate i bordi e sigillateli, stringendoli bene con le dita in modo che il ripieno non fuoriesca.

• Appoggiate i calzoni sulla placca ricoperta di carta da forno e cuoceteli in forno a 220°C per 20 minuti circa. Quando la superficie inizierà a scurirsi leggermente, i calzoni saranno cotti. Sfornateli e serviteli subito.

Carla Marchetti

I consigli di Carla

La ricotta, pur essendo un prodotto caseario, non è un formaggio, ma va classificata semplicemente come un ‘latticino’. Infatti viene ottenuta dalle proteine della parte liquida (cioè del siero di latte) che si separa dalla cagliata durante la fase iniziale del processo di fabbricazione del formaggio (detta caseificazione). La ricotta salata è un latticino magro, a pasta molle e di breve stagionatura, nata con l’intento di poterla conservare meglio, ha una consistenza più marcata e un sapore più definito di quella fresca, e si può usare al posto di quest’ultima senza appesantire il piatto.

• Una bustina di lievito secco da 7 grammi corrisponde circa a un panetto di lievito fresco da 25 grammi. Quando fate la conversione da lievito fresco a lievito secco, dividete la dose prevista del fresco per 3,29 e otterrete i grammi di quello secco. Se invece la ricetta prevede il lievito secco e avete quello fresco, moltiplicate la dose prevista del secco per 3,29 e otterrete i grammi di quello fresco.

Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

1 Recensione

  1. che buonoooooooo

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento