Pizza con burrata e radicchio rosso senza glutine

Pizza con burrata e radicchio rosso senza glutine
  • teglia da 4 porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    10 min

  • Tempo di cottura

    20 min

  • Calorie a porzione

    630 Kcal

  • Note

    3 ore di lievitazione + 30 minuti di riposo


5 stelle in base a 1 recensione

Che voglia di Pizza con burrata e radicchio rosso! E la pizza, simbolo della tradizione italiana nel mondo, vanta una storia millenaria: nell'antichità focacce, schiacciate, lievitate e non, erano diffuse presso gli Egizi, i Greci e i Romani. Questa ... 

ingredientiINGREDIENTI
  • Per l'impasto
  • 250 g di Preparato per pane, pizza e pasta senza glutine
  • 250 ml di Acqua
  • 1/2 bustina di Lievito di birra secco
  • 1 pizzico di Zucchero semolato
  • Amido di mais (maizena)
  • 1 cucchiaino di Olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di Sale
  • Per la farcitura
  • 300 g di Radicchio rosso trevigiano
  • 200 g di Burrata
  • 360 g di Passata di pomodoro
  • 2 cucchiai di Olio extravergine di oliva (per l'emulsione)
  • 2 cucchiai di Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
Preparazione

• Preparate l’impasto senza glutine. Mettete in una ciotola il preparato con un pizzico di sale; aggiungete il lievito e lo zucchero, sciolti in una parte di acqua tiepida, l'olio extravergine e mescolate con un cucchiaio. Unite via via l’acqua che resta, ma non lavorate troppo l’impasto, che rimarrà piuttosto appiccicoso. 

• Dopo averlo fatto riposare per mezzora, coperto con pellicola alimentare perché non si secchi, disponete l'impasto su una superficie cosparsa di amido di mais e iniziate una serie di piegature per renderlo più sodo e liscio (si effettua il "folding", cioè il ripiegamento). Stendete l’impasto a rettangolo (aiutatevi con il dorso del cucchiaio unto), piegate i lembi laterali su quello centrale; poi giratelo a 90° e piegatelo di nuovo, poi ancora altre tre volte. A questo punto l’impasto risulterà abbastanza elastico; ponetelo in una ciotola appena unta, copritelo con la pellicola e fatelo lievitare per circa 3 ore in un posto tiepido.

• Mondate e lavate il radicchio, poi asciugatelo, tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, conditelo con un’emulsione di olio, sale e pepe e grigliatelo su una piastra per 8-10 minuti. Una volta intiepidito, tagliatelo a listarelle. 

• Lavorate ora l’impasto senza glutine, che va trattato delicatamente e non lavorato eccessivamente, perché si può rompere e creare buchi. Appoggiate una pallina di impasto su carta da forno infarinata e premete leggermente con la punta delle dita per creare la forma voluta, girandola via via insieme alla carta. Lavorate sempre dal centro verso l’esterno, così il bordo verrà più alto.

• Trasferite la pizza insieme alla carta sulla placca da forno e passate leggermente il matterello per assottigliare ancora un po’ la pasta, se desiderate una pizza più sottile, ma lasciate sempre i bordi appena più alti. Distribuitevi sopra la passata di pomodoro, un pizzico di sale e un filo d’olio, poi infornate in forno già caldo a 220°C (funzione statica), per 8 minuti circa.

• Sfornate la pizza, distribuitevi il radicchio, fate cuocere per altri 7 minuti circa e infine condite con la burrata a pezzetti.

Carla Marchetti

I consigli di Carla

• Per rendere più morbido l’impasto e aiutare la lievitazione potete utilizzare la patata lessa. Per 250 g di farina senza glutine usate mezza patata media lessata, sbucciata e schiacciata benissimo con una forchetta. Subito dopo aver iniziato a mescolare farina, acqua e lievito, unite la purea di patata, poi proseguite con la preparazione dell’impasto, come indicato nella ricetta. Potete tenerlo in frigo per 1 giorno oppure surgelarlo, da usare entro 3 mesi.

• Per grigliare senza problemi il radicchio, disponetene i pezzi sulla griglia calda e girateli spesso mentre li fate cuocere. Eviterete che le foglie esterne si brucino, diventando immangiabili.

• Se lo trovate, preferite il radicchio rosso tardivo di Treviso, più pregiato, con note amare più morbide di quello precoce.

Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

1 Recensione

  1. buonissima

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento