Calamarata

Calamarata
  • porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    20 min

  • Tempo di cottura

    20 min

  • Calorie a porzione

    570 Kcal

  • Note


5 stelle in base a 2 recensioni

Portate in tavola tutto il gusto e il sapore del mare con la Calamarata, una sfiziosa ricetta da proporre in tutte le occasioni, nel menu settimanale per tutta la famiglia come nelle cene più raffinate, e le occasioni un po' speciali. La Calamarata &... 

ingredientiINGREDIENTI
  • 360 g di Calamarata (o pasta corta)
  • 500 g di Calamari gią puliti
  • 400 g di Pomodorini
  • 2 spicchi di Aglio
  • 1 Scalogno
  • 10 cl di Vino bianco secco
  • 1 Peperoncino fresco
  • 1 ciuffetto di Prezzemolo
  • 4 cucchiai di Olio extravergine di oliva
  • Sale
Preparazione

• Mettete al fuoco una pentola capiente piena di acqua e portatela a bollore.

• Nel frattempo ponete i calamari in un colino e lavateli sotto l’acqua corrente; scolateli, asciugateli con carta da cucina e tagliate il corpo ad anelli e i tentacoli, se sono grandi, a metà.

• In una padella capiente fate soffriggere l’aglio schiacciato con l'olio per 1 minuto a fuoco basso. Fatevi saltare i calamari a fuoco vivace per un paio di minuti, sfumate con il vino e aggiustate di sale. Toglieteli dalla padella con una schiumarola e teneteli da parte.

• Lavate i pomodorini e tagliateli in quattro.

• Mondate scalogno e aglio e tritateli finemente, insieme a un pezzetto di peperoncino, cui avrete tolto i semi. Trasferiteli nella padella e fateli appassire per 4-5 minuti a fuoco basso, mescolando spesso.

• Alzate la fiamma, aggiungete i pomodorini preparati e lasciateli cuocere per 4-5 minuti a fiamma abbastanza vivace: fate attenzione che non si attacchino al fondo, nel caso unite poca acqua della pasta.

• Rimettete i calamari nella padella e fateli insaporire a fiamma moderata per un paio di minuti; a fine cottura regolate di sale, incoperchiate, spegnete e tenete in caldo.

• Nel frattempo l’acqua sarà arrivata a ebollizione, salatela e calatevi la calamarata. Scolatela al dente (conservando un po' di acqua di cottura) e versatela nella padella con il sugo, che avrete rimesso sul fuoco. Aggiungete del prezzemolo tritato e lasciatela a fiamma moderata per 1 minuto circa, mescolando bene; unite dell’acqua di cottura della pasta se si dovesse asciugare troppo. Spegnete, spolverizzate con altro prezzemolo tritato e servite subito.

Carla Marchetti

I consigli di Carla

• La calamarata è un tipo di pasta corta. Se non riuscite a reperirla, potete utilizzare della pasta corta, meglio se ad anelli.

• Se non trovate i calamari già puliti, potete farlo da voi; non è difficile, ci vogliono solo pazienza e attenzione. Per pulire un calamaro, mettetevi i guanti, lavatelo, staccate la testa coi tentacoli e mettetela da parte, poi togliete delicatamente dall’interno della sacca la penna di cartilagine trasparente. Levate con le dita le interiora dalla sacca; se c’è la vescica d’inchiostro e questo vi serve per la preparazione, fate uscire il liquido e conservatelo in una ciotola. Praticate una piccola incisione nella parte inferiore della sacca, prendete un lembo della pelle e tiratela via. Tagliate le pinne e mettetele da parte. Riprendete la testa e tagliate i tentacoli, levatene via il becco centrale dopo averli rovesciati con le dita, poi, se volete, togliete la pelle dei tentacoli strusciandoli con le dita. Sciacquate bene e tagliate il calamaro secondo il tipo di preparazione che volete seguire.


Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

2 Recensioni

  1. una vera specialitą regionaleeee

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento