Spezzatino di manzo alla birra

Spezzatino di manzo alla birra
  • porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    15 min

  • Tempo di cottura

    3 H

  • Calorie a porzione

    640 Kcal

  • Note


5 stelle in base a 3 recensioni

Un tempo i secondi di carne erano considerati una rarità sulla tavola di tutti i giorni, dove prevalevano piatti unici poveri come le zuppe di legumi, ma oggi che la carne viene gustata più spesso si ha bisogno di idee creative per variare il ... 

ingredientiINGREDIENTI
  • 800 g di Manzo per spezzatino
  • 240 g di Polpa di tamarindo
  • 40 cl di Birra chiara
  • 2 Cipollotti
  • 2 spicchi di Aglio
  • 4 Carote
  • 60 g di Farina 0
  • 4 rametti di Timo fresco
  • Cumino
  • Peperoncino in polvere
  • 4 cucchiai di Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
Preparazione

● In un tegame con un filo d'olio mettete a rosolare la carne, tagliata a pezzetti e leggermente infarinata. Salate e pepate, insaporite con una spolverata di cumino e peperoncino e lasciate dorare bene per un paio di minuti a fiamma vivace, girando la carne con una spatola perché si rosoli uniformemente. 

● Aggiungete la polpa di tamarindo e i cipollotti affettati, poi l’aglio e delle foglioline di timo, tritati insieme finemente; lasciate insaporire per 3-4 minuti, a fuoco un po' più basso. 

● Bagnate con la birra e, quando il composto inizierà a sobbollire, abbassate la fiamma e mettete il coperchio; continuate la cottura per circa 2 ore e mezzo, mescolando di tanto in tanto, in modo che la carne diventi molto tenera. Quando notate che la salsa si restringe troppo, unite dell'acqua bollente.

● Intanto pelate le carote e tagliatele a rondelle. Trascorso il tempo indicato, unitele alla carne e regolate di sale, riportate a bollore e continuate la cottura per altri 30 minuti circa, sempre a fiamma bassa. Spegnete e poi servite subito lo spezzatino, spolverando con foglioline fresche di timo. 

Margherita Pini

I consigli di Margherita

● Il sapore del tamarindo somiglia un po’ a quello del dattero, per questo viene anche chiamato "dattero d’India". Il tamarindo ha però un gusto più aromatico, leggermente tostato; poiché ha una nota caramellata ma anche acidula e leggermente salata, può essere usato come abbinamento per piatti salati. Non si trova facilmente intero, ma la sua polpa è confezionata in pacchetti sottovuoto (nota come "pasta" di tamarindo) e la potete trovare nei supermercati ben forniti.

Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

3 Recensioni

  1. molto buono lo consiglio

  2. Sempre molto gustoso :D

  3. Altri Commenti

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento