Frittura di totani

Frittura di totani
  • porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    30 min

  • Tempo di cottura

    10 min

  • Calorie a porzione

    310 Kcal

  • Note


5 stelle in base a 1 recensione

Un peccato di gola a settimana leva il medico di torno perché fa tornare il sorriso e mette in circolo un po’ di serotonina! Con la ricetta della Frittura di totani Spadellandia vi propone una tentazione irresistibile alla quale non riu... 

ingredientiINGREDIENTI
  • 1 Kg di Totani
  • 150 g di Farina rimacinata di semola di grano duro
  • 1 Limone bio
  • Olio di semi di arachidi o di girasole (per friggere)
  • Sale
Preparazione

• Pulite i totani, staccate la sacca dai tentacoli, eliminate gli occhi, il becco e le cartilagini. Spellateli e sciacquateli sotto un filo di acqua corrente, poi asciugateli molto bene con carta da cucina, anche all’interno: se sono umidi, aderirà più semola e in cottura si formeranno dei grumi croccanti non troppo piacevoli.

• Tagliate la sacca ad anelli alti 2-3 cm e i tentacoli a pezzi, se troppo grandi.

• Passateli nella semola, che avrete messo in una ciotola larga, girandoli in modo che si infarinino in modo omogeneo. Poneteli in uno scolapasta e date dei colpetti per eliminare la semola in eccesso.

• Ponete su fuoco vivace una padella capiente con abbondante olio. Quando raggiungerà la temperatura giusta (circa 180°C), immergete nell’olio una parte dei totani. Non ne mettete troppi, perché la temperatura dell'olio si abbasserebbe e gli alimenti ne assorbirebbero troppo; non toccateli per i primi 20-30 secondi, si potrebbe staccare la panatura.

• Dopo un paio di minuti scolate il fritto usando una schiumarola e trasferitelo su carta da cucina: non cuoceteli troppo altrimenti diventeranno gommosi. Continuate così fino ad aver terminato i totani.

• Salate la vostra frittura e servitela subito, accompagnata con fettine di limone.

Carla Marchetti

I consigli di Carla

• Ecco come pulire i totani. Indossate i guanti e lavateli bene sotto l’acqua corrente, ponendo particolare attenzione a eliminare eventuali residui di sabbia dalle ventose dei tentacoli. Staccate i tentacoli dalla sacca, così eliminerete una parte delle interiora; togliete delicatamente il resto delle interiora con le dita, verrà via anche la penna di cartilagine trasparente (gladio). Praticate qualche piccola incisione nella parte inferiore della sacca, prendete un lembo della pelle, tiratela via ed eliminatela. Togliete con le dita il becco centrale e gli occhi dal corpo, dopo aver rovesciato i tentacoli; tagliateli in due e poi, se volete, togliete la pelle dei tentacoli strusciandoli con le dita. Procedete così con tutti i totani. Alla fine lavateli di nuovo e asciugateli bene.

• I totani puliti si possono conservare 1 giorno in frigo, ben sigillati in un contenitore ermetico. Se non sono decongelati, potete congelarli stesi su un vassoio, coperti da pellicola alimentare. Metteteli poi in un sacchetto per alimenti e manteneteli in freezer per 2-3 mesi, scongelandoli in frigo prima di cucinarli.

Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

1 Recensione

  1. sembra una bontą

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento