Tartara di salmone su mousse di avocado

Tartara di salmone su mousse di avocado
  • porzioni
    RICALCOLA GLI INGREDIENTI IN BASE AL NUMERO DEI COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
  • Difficoltà

  • Costo

  • Tempo di preparazione

    25 min

  • Tempo di cottura

    0 min

  • Calorie a porzione

    440 Kcal

  • Note

    30 minuti di riposo


5 stelle in base a 1 recensione

Stanchi del solito secondo? Questa ricetta, che sembra uscita direttamente dai ricettari dei grandi chef, è tipica della cucina tradizionale giapponese anche se ormai è entrata a pieno titolo nelle nostre cucine. Gustosa e povera di grassi, la... 

ingredientiINGREDIENTI
  • 600 g di Salmone
  • 2 Avocado
  • 100 g di Bieta rossa
  • 1 Cipollotto
  • 1 Limone bio
  • 1 cm di zenzero fresco
  • Aneto fresco
  • 2 cucchiai di Olio extravergine di oliva
  • Sale
Preparazione

• Private il salmone della pelle e delle lische, tagliatelo a fettine e poi a cubetti molto piccoli.

• Ponete i pezzi di pesce in una ciotola, unite la scorza del limone, un po’ del succo, un pizzico di sale e trasferite in frigorifero. Coprite con la pellicola alimentare e lasciate insaporire per 30 minuti in frigorifero.

• Preparate la mousse. Tagliate in due gli avocado, girate le due metà in senso contrario e dividetele; eliminate il nocciolo e scavatele con un cucchiaino, trasferendo la polpa in una ciotola. Unite il succo di limone avanzato, salate, aggiungete lo zenzero grattugiato, dell’aneto tagliuzzato e schiacciate la polpa con una forchetta fino a ottenere una crema.

• Tritate il cipollotto finemente con la mezzaluna e aggiungetelo alla crema di avocado, poi distribuite la mousse ottenuta sui piatti individuali.

• Formate con il salmone delle specie di ‘burger’, appoggiateli delicatamente sulla mousse preparata, condite con un filo di olio e serviteli con della bieta rossa fresca.

Carla Marchetti

I consigli di Carla

• In questa ricetta il salmone non raggiunge internamente i 60°C, temperatura a cui i parassiti (anisakis) eventualmente presenti, muoiono. Per evitare spiacevoli inconvenienti, quando comprate il pesce crudo fresco, da utilizzare poco cotto o crudo come in questa ricetta, dovrete congelarlo prima per almeno 96 ore a -18°C, in modo da avere la certezza di neutralizzare il parassita. Il pesce già eviscerato è comunque più sicuro.

Video di ricetta correlata

Stampa
la ricetta
Scarica la
versione PDF
Iscriviti
a Ricetta Mail
Aggiungi al
tuo ricettario
Facebook Twitter Pinterest Email

1 Recensione

  1. buonissimo

Scrivi una recensione

Esegui il login per inserire un commento